E’ morto Michael Lonsdale, il villain Hugo Drax di James Bond

E’ scomparso a 89 anni Michael Lonsdale, attore francese con all’attivo oltre 180 ruoli tra cinema e tv. Lonsdale è noto al grande pubblico per aver interpretato l’antagonista principale Hugo Drax in Moonraker – Operazione spazio, undicesimo film di James Bond e per ruoli in Il giorno dello sciacallo, Ronin e Munich. Perfettamente bilingue, Lonsdale nella sua carriera ha recitato per registi del calibro di Orson Welles (Il Processo, 1962), François Truffaut (La sposa in nero, 1968), Louis Malle (Soffio al cuore, 1971), Luis Buñuel (Il fantasma della libertà, 1974), Costa-Gavras (L’affare della Sezione Speciale, 1975) ed Ermanno Olmi (Il villaggio di cartone, 2011).

Secondo quanto riportato dalla BBC, l’attore è morto lunedì nella sua casa di Parigi. La sua morte è stata confermata dal suo agente, ma non sono stati forniti dettagli sulle cause del decesso.  Dopo la notizia della scomparsa dell’attore, l’account Twitter ufficiale di James Bond gli ha reso omaggio con un messaggio dei produttori Michael G. Wilson e Barbara Broccoli.

Siamo molto tristi nell’apprendere della morte di Michael Lonsdale, che ha interpretato Hugo Drax in Moonraker. Era un attore di straordinario talento e un caro amico. I nostri pensieri sono con la sua famiglia e gli amici in questo momento triste.” – Michael G. Wilson e Barbara Broccoli.


 

Nato a Parigi il 21 maggio 1931, Lonsdale è cresciuto in Inghilterra fino al ritorno in Francia nel 1947 dove inizia la sua carriera di pittore e dove incontra il regista e attore teatrale Roger Blin, che lo avviò alla carriera di attore di teatro. Dopo gli studi di recitazione, Michael debutta a teatro a 24 anni e sullo schermo un anno dopo. Dopo aver lavorato per oltre un decennio in piccoli ruoli secondari, riceve il suo primo grande successo di critica in due film di François Truffaut datati 1968: La sposa in nero e Baci rubati. Sebbene attivo principalmente nel cinema francese, il parlare fluentemente l’inglese ha permesso a Lonsdale di cimentarsi in produzioni internazionali, vedi il ruolo di reporter in …e venne il giorno della vendetta (1964) di Fred Zinnemann; proprietario terriero in Il giorno del toro (1974), agente della CIA in Enigma (1982) e banchiere svizzero in Il ritorno delle aquile (1985).

Lonsdale reciterà per James Ivory in Quel che resta del giorno (1993) e nei panni di Re Luigi XVI in Jefferson a Parigi (1995), e in molti lo ricorderanno nell’adattamento Il nome della rosa (1986) di Jean-Jacques Annaud del 1986, dove l’attore vestiva i panni dell’arcigno l’abate che incarica il frate francescano Guglielmo di Baskerville, interpretato da Sean Connery, di indagare sull’omicidio di un monaco in una remota abbazia benedettina sperduta tra le Alpi piemontesi. Lonsdale ha ricevuto una nomination ai BAFTA per il suo ruolo in Il giorno dello sciacallo (1973) e ha vinto un César come miglior attore non protagonista per Uomini di Dio (2010), dramma basato sull’assassinio dei monaci di Tibhirine avvenuto nel 1996.

L’ultimo ruolo di Lonsdale risale al 2016 nel film fantascientifico / distopico di produzione francese Sculpt, un progetto basato sulle scienze sociali che ha visto la partecipazione anche di Willem Dafoe, Charlotte Rampling e del regista Abel Ferrara.

 

 

Filmografia parziale

Le bugie nel mio letto (Adorable menteuse), regia di Michel Deville (1961)

Il delitto non paga (Le crime ne paie pas), regia di Gérard Oury (1961)

La spiata (La Dénonciation), regia di Jacques Doniol-Valcroze (1962)

Il processo (Le Procès), regia di Orson Welles (1962)

…e venne il giorno della vendetta (Behold a Pale Horse), regia di Fred Zinnemann (1964)

Da New York: la mafia uccide (Je vous salue, mafia!), regia di Raoul Lévy (1965)

Parigi brucia? (Paris brûle-t-il?), regia di René Clément (1966)

Carnet per un morto (Le Judoka, agent secret), regia di Pierre Zimmer (1966)

La sposa in nero (La Mariée était en noir), regia di François Truffaut (1968)

Baci rubati (Baisers volés), regia di François Truffaut (1968)

La contestazione del tubo (La Grande lessive), regia di Jean-Pierre Mocky (1968)

Louis de Funès e il nonno surgelato (Hibernatus), regia di Édouard Molinaro (1969)

C’era una volta un commissario… (Il eté un fois un flic), regia di Georges Lautner (1971)

Inchiesta su un delitto della polizia (Les Assassins de l’ordre), regia di Marcel Carné (1971)

Soffio al cuore (Le Souffle au coeur), regia di Louis Malle (1971)

La tardona (La Vieille fille), regia di Jean-Pierre Blanc (1972)

Il giorno dello sciacallo (The Day of the Jackal), regia di Fred Zinnemann (1973)

I buoni sentimenti stuzzicano l’appetito (Les Grands sentiments font les bons gueuletons), regia di Michel Berny (1973)

Spostamenti progressivi del piacere (Glissements progressif du plaisir), regia di Alain Robbe-Grillet (1974)

Stavisky il grande truffatore (Stavisky), regia di Alain Resnais (1974)

Il giorno del toro (Caravan to vaccares), regia di Geoffrey Reeves (1974)

Il fantasma della libertà (Le Fantôme de la liberté), regia di Luis Buñuel (1974)

Un lenzuolo non ha tasche (Un Linceul n’a pas de poches), regia di Jean-Pierre Mocky (1974)

La polizia indaga: siamo tutti sospettati (The Suspects), regia di Michel Wyn (1974)

India Song, regia di Marguerite Duras (1975)

Una donna da uccidere (Folle à tuer), regia di Yves Boisset (1975)

Primavera carnale (Sérieux comme le plaisir), regia di Robert Benyoun (1975)

L’affare della Sezione Speciale (Section spécial), regia di Costa-Gavras (1975)

Una romantica donna inglese (The Romantic Englishwoman), regia di Joseph Losey (1975)

La ragazza di madame Claude (Le Téléphone rose), regia di Edouard Molinaro (1975)

Il sapore della paura (La Traque), regia di Serge Leroy (1975)

Galileo, regia di Joseph Losey (1975)

Uova strapazzate (Les Oeufs brouillés), regia di Joël Santoni (1976)

Mr. Klein (Monsieur Klein), regia di Joseph Losey (1976)

La donna mancina (Die linkshändige Frau), regia di Peter Handke (1978)

Casablanca Passage (The Passage), regia di J. Lee Thompson (1978)

Moonraker – Operazione spazio (Moonraker), regia di Lewis Gilbert (1979)

Momenti di gloria (Chariots of Fire), regia di Hugh Hudson (1981)

Il giudice (Le Juge), regia di Philippe Lefebvre (1984)

Il ritorno delle aquile (The Holcroft Covenant), regia di John Frankenheimer (1985)

Il nome della rosa (Le Nome de la Rose), regia di Jean-Jacques Annaud (1986)

Un cane sciolto, regia di Giorgio Capitani (1991) – film TV

Maigret e la spilungona – serie televisiva (1991)

Un cane sciolto 2, regia di Giorgio Capitani (1992) – film TV

Un cane sciolto 3, regia di Giorgio Capitani (1993) – film TV

Woyzeck (Woyzeck), regia di Guy Marignane (1993)

Quel che resta del giorno (The Remains of the Day), regia di James Ivory (1993)

Nelly e Mr. Arnaud (Nelly et Monsieur Arnaud), regia di Claude Sautet (1995)

Jefferson in Paris, regia di James Ivory (1995)

Ronin, regia di John Frankenheimer (1998)

Actors (Les Acteurs), regia di Bertrand Blier (2000)

Sotto falso nome, regia di Roberto Andò (2004)

CinquePerDue – Frammenti di vita amorosa (5×2), regia di François Ozon (2004)

Munich, regia di Steven Spielberg (2005)

L’ultimo inquisitore (Goya’s Ghosts), regia di Milos Forman (2006)

Agora, regia di Alejandro Amenábar (2009)

Uomini di Dio (Des hommes et des dieux), regia di Xavier Beauvois (2010)

Il villaggio di cartone, regia di Ermanno Olmi (2011)

Gebo e l’ombra, regia di Manoel de Oliveira (2012)

Les Premiers, les Derniers, regia di Bouli Lanners (2016)

E’ morto Michael Lonsdale, il villain Hugo Drax di James Bond pubblicato su Cineblog.it 22 settembre 2020 09:01.