Cannes 2021, tutti i film in Selezione ufficiale, c’è Nanni Moretti

È stato bello rivedere su quel palco Thierry Frémaux e Pierre Lescure mentre presentano la Selezione ufficiale di Cannes 2021, Festival che si svolgerà a luglio anziché il consueto maggio (a tal proposito viene chiarito che nel 2022 l’intenzione è di tornare al solito periodo). L’esito di questa presentazione ci consegna un programma ricco, pieno tappo pressoché in ogni sua componente.

A partire dal Concorso, che vede alcune promozioni, ossia registi già affermati che hanno modo di contendersi per la prima volta la Palma d’oro: tra questi Mia Hansen-Løve, Sean Baker e Nadav Lapid. Non mancano poi gli habitué, e qui i nomi si sprecano: Verhoeven, Weerasethakul, Farhadi, Moretti, Audiard, Dumont e Carax su tutti. Competizione che vede peraltro ben due film africani, ossia quello di Mahamat-Saleh Haroun (Premio della giuria nel 2010) e quello di Nabil Ayouch, primo film marocchino di sempre in Concorso.

Altrove si segnalano l’onnipresente Hong Sang-soo ma anche il documentario di Andrea Arnold, così come Desplechin, Amalric e Mundruczo. Nelle proiezioni speciali troviamo invece Charlotte Gainsbourg, in veste di regista ovviamente, ed Oliver Stone. Come sempre, tutto da scoprire quanto si cela nello scrigno di Un certain regard; per quanto mi riguarda, tengo d’occhio gli ultimi lavori di Alexey German Jr. e Tatiana Huezo, quest’ultima regista di Tempestad, passato alla Berlinale nel 2016. Si nota invece l’assenza di Netflix. Ebbene, il discorso non è cambiato rispetto alle passate edizioni: il gigante dello streaming non intende assecondare il regolamento circa il fatto che tutti i film presentati a Cannes debbano uscire contestualmente nelle sale francesi. Il braccio di ferro perciò prosegue.

Non si può per forza di cose glissare invece sull’aspetto logistico della manifestazione, argomento che senz’altro riguarda meno chi si limiterà a seguirlo da casa, ma che risulta indicativo circa lo stato delle cose. Tornare a un evento di questa portata dopo una pandemia (peraltro ancora in corso) non è infatti affare semplice, ed in questi mesi ci si è a ragion veduta domandato come il Festival avrebbe gestito un flusso così significativo. La risposta, oltre alla vaccinazione o a una prova che attesti di avere gli anticorpi, starà in un centro di analisi istituito ad hoc vicino al Palais, che prevede un test gratuito da fare ogni quarantott’ore. Lescure assicura che tutto è stato predisposto nel migliore dei modi e che le cose procederanno senza intoppi.

Detto questo, di seguito trovate l’intera Selezione ufficiale. Vi ricordiamo che il Festival di Cannes si terrà dal 6 al 17 luglio 2021. E sì, noi di Cineblog ci saremo.

Concorso

Annette, di Leos Carax
The French Dispatch, di Wes Anderson
Benedetta, di Paul Verhoeven
A Hero, di Asghar Farhadi
Tout S’est Bien Passe, di Francois Ozon
Tre Piani , di Nanni Moretti
Titane, di Julia Ducournau
Red Rocket, di Sean Baker
Petrov’s Flu , di Kirill Serebrennikov
France, di Bruno Dumont
Nitram, di Justin Kurzel
Memoria, di Apichatpong Weerasethakul
Lingui , di Mahamat-Saleh Haroun
Paris 13th District, di Jacques Audiard
The Restless , di Joachim Lafosse
La Fracture, di Catherine Corsini
The Worst Person in the World , di Joachim Trier
Compartment No. 6, di Juho Kuosmanen
Casablanca Beats, di Nabil Ayouch
Ahed’s Knee, di Nadav Lapid
Drive My Car, di Ryusuke Hamaguchi
Bergman Island , di Mia Hansen-Løve
The Story of My Wife, di Ildikó Enyedi
Flag Day , di Sean Penn

Fuori Concorso

De Son Vivant , di Emmanuelle Bercot
Emergency Declaration, di Han Jae-Rim
The Velvet Underground, di Todd Haynes
Stillwater, di Tom McCarthy
Aline, The Voice of Love , di Valerie Lemercier
Bac Nord , di Cedric Jimenez

Proiezioni di mezzanotte

Bloody Oranges, di Jean-Christophe Meurisse

Cannes Premieres

Evolution, di Kornél Mundruczo
Deception, di Arnuad Desplechin
Cow, di Andrea Arnold
Love Songs for Tough Guys, di Samuel Benchetrit
Mothering Sunday, di Eva Husson
Hold Me Tight, di Mathieu Amalric
In Front of Your Face, di Hong Sang-soo
Val, di Ting Poo e Leo Scott

Proiezioni speciali

H6, di Yé Yé
Cahiers Noirs (Black Notebooks), di Shlomi Elkabetz
Mariner of the Mountains, di Karim Aïnouz
Jane Par Charlotte, di Charlotte Gainsbourg
JFK Revisited: Through the Looking Glass, di Oliver Stone
Babi Yar. Context , di Sergei Loznitsa)
The Year of the Everlasting Storm, di Apichatpong Weerasethakul, David Lowery, Jafar Panahi, Laura Poitras, Dominga Sotomayor, Anthony Chen e Malik Vitthal

Un Certain Regard

Un Monde, di Laura Wandel
The Innocents, di Eskil Vogt
After Yang, di Kogonada
Commitment Hasan, di Hasan Semih
Lamb, di Valdimar Jóhannsson
Bonne Mère , di Hafsia Herzi
Delo (House Arrest), di Alexey German Jr.
La Civil , di Teodara Ana Mihai
Noche de Fuego, di Tatiana Huezo
Blue Bayou, di Justin Chon
Moneyboys, di C.B Yi
Freda, di Gessica Géneus
Women Do Cry , di Mina Mileva and Vesela Kazakova
Unclenching the Fists, di Kira Kovalenko
Let There Be Morning, di Eran Kolirin
Rehana Maryam Noor, di Abdullah Mohammad Saad