L’aquila d’acciaio compie 35 anni: curiosità e colonna sonora del film “Iron Eagle”

Il 17 gennaio 1986 usciva nelle sale americane L’aquila d’acciaio – Iron Eagle, un film d’azione per ragazzi diretto da Sidney J. Furie, anche regista dell’orrido Superman IV e del buon horror sovrannaturale The Entity. In occasione dei 35 anni dalla sua uscita nelle sale abbiamo ripescato questo film che con gli anni ha guadagnato qualche punto, grazie alla presenza del veterano Louis Gossett Jr. e di una colonna sonora strepitosa su cui spicca la hit “One Vision” dei Queen.

Quando il padre di Doug (Jason Gedrick), un pilota dell’aeronautica militare, viene abbattuto da MiG appartenenti ad uno stato radicale del Medio Oriente, nessuno sembra in grado di riportarlo a casa. Doug nel frattempo conosce Chappy (Louis Gossett Jr.), un colonnello dell’aeronautica militare che decide di rischiare la corte marziale appoggiando l’improbabile idea di Doug di rubare due caccia F-16 e partire per una missione per salvare il padre del ragazzo che nel frattempo è stato condannato alla pena di morte.

“L’aquila d’acciaio” all’epoca non venne accolto bene dalla critica che arrivò a fare paragoni con il blockbuster Top Gun di Tony Scott che uscirà qualche mese dopo. I due film condividono lo stesso budget, 18 milioni di dollari, ma incassi agli antipodi, 365 milioni incassati dal film di Scott contro gli appena 24 racimolati di quello di Furie. Nonostante alcune evidenti similitudini, il film di Furie è di fatto un film per ragazzi, se vogliamo una versione smaccatamente per adolescenti del citato “Top Gun”, alla stregua di come Karate Kid era stato concepito come una sorta di Rocky per ragazzi. A dare ulteriore adito al genere cui fa riferimento il film di Furie, un’avventura d’azione per ragazzi, “L’aquila d’acciaio” pesca anche suggestioni da titoli come D.A.R.Y.L. (il furto dei caccia F-16) e Giochi Stellari (un adolescente addestrato al combattimento tramite un simulatore di volo), elementi che rendono ancor più aleatorio qualsiasi tentativo di paragone con il “Top Gun” di Tom Cruise che si sviluppa in ben altre direzioni e con intenti ben diversi, in primis il perseguire un minimo sindacale di realismo.

Curiosità

  • La base della storia di fantasia che si racconta nel film si riferisce ai veri attacchi portati dagli Stati Uniti contro la Libia nel Golfo della Sirte, in particolare l’incidente del Golfo della Sirte del 1981.
  • Il regista Sidney J. Furie (Entity, Superman IV) tornerà alla regia del sequel Aquile d’attacco (Iron Eagle II) del 1988, passerà la mano per il terzo film, Air Force – Aquile d’acciaio (Aces: Iron Eagle III) del 1992, ma tornerà per il quarto capitolo, il direct-to-video Aquile d’acciaio 4 del 1995.
  • Durante la “scena del serpente” in cui Doug Masters gareggia con il suo Cessna 150 contro un Knotcher in moto, il pilota del Cessna 150 Aerobat era il famoso pilota acrobatico Art Scholl, che rimase ucciso più tardi quell’anno quando il suo aereo con macchina da presa Pitts S-2 si schiantò durante le riprese in cabina di pilotaggio per la sequenza della “vite piatta” in Top Gun.
  • Il personaggio del colonnello Charles “Chappy” Sinclair è stato ispirato dal vero generale dell’aeronautica americana Daniel “Chappie” James, Jr. Il generale Chappie James era un membro del team dei famosi aviatori Tuskegee interamente composto da afroamericani e aveva volato anche su jet da combattimento nella Guerra di Corea e nella Guerra del Vietnam. In seguito divenne il primo generale di colore a quattro stelle nella storia degli Stati Uniti.
  • Secondo le note di copertina del DVD, l’Aeronautica Militare degli Stati Uniti avrebbe fornito consulenza sul film, fino a quando non si sono resi conto che una parte importante della trama dipendeva da Doug e dai suoi amici che hackerano i computer della base, rubano attrezzature, ecc. Ai militari non gli piaceva l’idea della facilità con cui i ragazzi avevano il controllo della base.

  • Morgan Freeman ha fatto un provino per il ruolo di Chappy Sinclair, parte poi andata a Louis Gossett Jr. che tornerà nel ruolo per tutti e tre i sequel.
  • “L’aquila d’acciaio” era originariamente previsto per uscire nell’estate del 1986, ma l’uscita è stata anticipata a gennaio per evitare concorrenza e confusione con Top Gun.
  • Tutti gli aerei da combattimento utilizzati (caccia F-16 e caccia F-21 / C-2 Kfir raffiguranti i MiG nemici) erano aerei dell’aeronautica militare israeliana, ridipinti con il simbolo dell’aeronautica statunitense e un simbolo nemico fittizio.
  • Emilio Estevez è stato considerato per il ruolo di Doug Masters, parte andata poi Jason Gedrick che tornerà per i sequel Aquile d’attacco (Iron Eagle II) e Air Force – Aquile d’acciaio 3, ma non in Aquile d’acciaio 4 in cui Masters è interpretato da Jason Cadieux.
  • Alcuni degli ordini eseguiti a bordo degli F-16 in alcune scene erano “dal vivo” (cioè con armi vere piuttosto che oggetti di scena). Ad un certo punto durante le riprese l’aviazione israeliana (IAF) è stata chiamata ad effettuare un attacco contro obiettivi terroristici in Libano; un controllore di terra, vedendo una coppia di F-16 IAF già in aria con l’arsenale richiesto, li guidò verso il bersaglio. Erano a metà strada dal bersaglio quando qualcuno si rese conto che l’aereo a cui era stato ordinato di attaccare era parte delle riprese di “L’aquila d”acciaio” e che gli aerei erano decorati con segni e insegne americane. Sono stati così richiamati dall’attacco in tempo per evitare un incidente internazionale (che sicuramente sarebbe stato il risultato dell’incursione se gli F-16 con marcature USAF avessero attaccato il Libano!).

  • Le scene negli Stati Uniti intorno alla base dell’aeronautica militare sono state girate all’aeroporto di Camarillo a Oxnard, in California. Nella vita reale, l’aeroporto di Camarillo era esso stesso una base dell’aeronautica statunitense, chiamata Oxnard Air Force Base fino alla sua chiusura e consegna alle autorità civili nel 1970. Come in questo film, Oxnard ha ospitato aerei da combattimento, operando con il supersonico McDonnell F -101 Voodoo e Convair F-106 Delta Dart fino alla chiusura della base. Alcuni degli edifici ancora esistenti nella proprietà adiacente all’aerodromo furono costruiti e utilizzati dall’Aeronautica Militare.
  • James Spader è stato considerato per il ruolo del bullo Knotcher interpretato nel film da un giovanissimo Michael Bowen, attore che poi ritroveremo come Danny Pickett nella serie tv Lost e Jack Welker nella serie tv Breaking Bad.
  • Il nome del paese in cui era tenuto prigioniero il colonnello Masters non viene mai menzionato, solo le città di Bilyad e Il Karim che è il paese considerato una nazione pària in Medio Oriente.
  • “L’aquila d’acciaio” è il film preferito del Johnny Lawrence del film Karate Kid e lo si vede guardarlo in diversi episodi della serie tv Cobra Kai.
  • Alcuni dei soldati “libici” alla base aerea, da dove è stato salvato il padre di Doug, stavano usando la mitragliatrice svedese 9mm m / 45. sviluppata originariamente durante la seconda guerra mondiale e ancora in uso tutt’oggi, ma in numero molto ridotto, all’interno delle forze armate svedesi. È stato anche utilizzata nelle forze speciali statunitensi come un SMG (mitra) molto semplice da usare, facile da maneggiare e molto affidabile. Per qualche tempo fu anche prodotta su licenza in Egitto. Ecco perché i soldati “libici” la stavano usando nel film.

La colonna sonora

  • Le musiche originali de “L’aquila d’acciaio” sono di Basil Poledouris (Conan il barbaro, Alba rossa, Robocop, Caccia a Ottobre rosso).
  • Il brano “One Vision” dei Queen venne pubblicata per la prima volta come singolo nel novembre 1985 e poi inclusa nel loro album del 1986 “A Kind of Magic”. La canzone è stata ispirata dalla vita e dalle imprese di Martin Luther King Jr..
  • La canzone “Iron Eagle (Never Say Die)” è stata eseguita dalla band King Kobra. Il video musicale ufficiale mostrava i membri della band addestrati per una missione da Chappy (Louis Gossett, Jr.) La band si sciolse pochi anni dopo. Il cantante Mark Free ha subito un’operazione di cambio di sesso a metà degli anni ’90 e ora registra musica con il suo nuovo nome, Marci Free.
  • La canzone “Old Enough to Rock and Roll” che si può ascoltare durante la scena dell’inseguimento nel canyon è stata eseguita dall’artista Rainey Haynes. Il brano però per non è mai apparso nelle colonne sonore ufficiali di “Iron Eagle”. Molti anni dopo, Haynes trovò i vecchi nastri master per le sue sessioni in un armadio a casa sua, li fece remixare e pubblicò un numero limitato di copie firmate del brano su CD tramite il suo sito web personale.

TRACK LISTINGS:

1. One Vision (Queen) 4:03
2. Iron Eagle (Never Say Die) (King Kobra) 3:33
3. These Are The Good Times (Eric Martin) 3:48
4. Manic House (Katrina & The Waves) 4:54
5. Intense (George Clinton) 4:34
6. Hide In The Rainbow (Dio) 3:58
7. It’s Too Late (Helix) 3:08
8. Road Of The Gypsy (Adrenalin) 4:29
9. Love Can Make You Cry (Urgent) 4:20
10. This Raging Fire (The Jon Butcher Axis) 4:10

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]