Oscar 2021: i film in corsa per la categoria Miglior film internazionale

Proseguono le selezioni per partecipare agli Oscar 2021 e con la pandemia di Covid-19 in pieno corso, l’Academy in prima battuta ha fatto slittare la data della cerimonia di premiazione e poi esteso il periodo di ammissibilità dei film in gara di due mesi, dal 1° ottobre 2019 al 31 dicembre 2020, e per la prima volta i candidati non dovranno avere obbligatoriamente fruito di un’uscita nelle sale cinematografiche, inclusi quindi anche titoli usciti direttamente in streaming e VOD.

E’ di questi giorni la notizia che l’Italia ha selezionato un documentario, Notturno di Gianfranco Rosi, per concorrere ad un posto nella categoria Migliore film straniero rinominato due anni or sono Miglior film internazionale. La rosa finale in corsa per gli Oscar 2021 sarà di 10 film e sarà svelata il 9 febbraio 2021.

L’Oscar 2020 ha riservato una sorpresa, l’acclamato film sudcoreano Parasite oltre che aggiudicarsi miglior film internazionale è stato anche il primo film non in lingua inglese a vincere il premio nella categoria Miglior film.

A seguire trovate la lista completa di tutti i film in lingua straniera selezionati dai rispettivi paesi per concorrere ad un posto nella rosa di 10 titoli che poi concorreranno alla statuetta durante al cerimonia di premiazione degli Oscar 2021 che si terrà  il 25 aprile 2021.

Africa

Algeria: Héliopolis (Djaâfar Gacem)

Egitto: When We’re Born (Tamer Ezzat)

Costa d’Avorio: Night Of The Kings (Philippe Lacôte)

Lesotho: This Is Not A Burial, It’s A Resurrection (Lemohang Jeremiah Mosese)

Kenya: The Letter (Maia Lekow, Chris King)

Sudafrica: Toorbos (Rene van Rooyen)

Sudan: You Will Die At Twenty (Amjad Abu Alala)

Tunisia: The Man Who Sold His Skin (Kaouther Ben Hania)

Americhe

Argentina: The Sleepwalkers (Paula Hernández)

Bolivia: Chaco (Diego Mondaca)

Brasile: Babenco: Tell Me When I Die (Bárbara Paz)

Canada: Funny Boy (Deepa Mehta)

Cile: The Mole Agent (Maite Alberdi)

Colombia: Forgotten We’ll Be (Fernando Trueba)

Costa Rica: Land Of Ashes (Sofia Quirós Ubeda)

Repubblica Dominicana: A State Of Madness (Leticia Tonos)

Ecuador: Emptiness (Paul Venegas)

Guatemala: La Llorona (Jayro Bustamente)

Messico: I’m No Longer Here (Fernando Frías de la Parra)

Panama: Causa Justa (Luis Franco Brantley, Luis Pacheco)

Perù: Song Without A Name (Melina León)

Suriname: Wiren (Ivan Tai-Apin)

Venezuela: Once Upon A Time In Venezuela (Anabel Rodríguez Ríos)

Asia

Hong Kong: Better Days (Derek Tsang)

Bangladesh: Sincerely Yours, Dhaka (11 registi)

Bhutan: Lunana: A Yak In The Classroom (Pawo Choyning Dorji)

India: Jallikattu (Lijo Jose Pellissery)

Indonesia: Impetigore (Joko Anwar)

Giappone: True Mothers (Naomi Kawase)

Kirghizistan: Running To The Sky (Mirlan Abdykalykov)

Malesia: Roh (Emir Ezwan)

Filippine: Mindanao (Brillante Mendoza)

Singapore: Wet Season (Anthony Chen)

Corea del Sud: The Man Standing Next (Woo Min-ho)

Taiwan: A Sun (Chung Mong-hong)

Thailandia: Happy Old Year (Nawapol Thamrongrattanarit)

Uzbekistan: 200 Songs Of Farida (Yalkin Tuychiev)

Europa

Albania: Open Door (Florenc Papas)

Armenia: Songs Of Solomon (Arman Nshanyan)

Austria: What We Wanted (Ulrike Kolfer)

Belgio: Working Girls (Frédéric Fonteyne, Anne Paulicevich)

Bosnia ed Herzegovina: Quo Vadis, Aida? (Jasmila Zbanic)

Bulgaria: The Father (Kristina Grozeva, Petar Valchanov)

Croazia: Extracurricular (Ivan-Goran Vitez)

Repubblica Ceca: Charlatan (Agnieszka Holland)

Danimarca: Another Round (Thomas Vinterberg)

Estonia: The Last Ones (Veiko Õunpuu)

Finlandia: Tove (Zaida Bergroth)

Francia: Two Of Us (Filippo Meneghetti)

Georgia: Beginning (Dea Kulumbegashvili)

Germania: And Tomorrow The Entire World (Julia von Heinz)

Grecia: Apples (Christos Nikou)

Ungheria: Preparations To Be Together For An Unknown Period Of Time (Lili Horvát)

Islanda: Agnes Joy (Silja Hauksdóttir)

Irlanda: Arracht (Tom Sullivan)

Italia: Notturno (Gianfranco Rosi)

Kosovo: Exile (Visar Morina)

Lettonia: Blizzard Of Souls (Dzintars Dreibergs)

Lituania: Nova Lituania (Karolis Kaupinis)

Lussemburgo: River Tales (Julie Schroell)

Montenegro: Breasts (Marija Perović)

Paesi Bassi: Buladó (Eché Janga)

Macedonia del Nord: Willow (Milcho Manchevski)

Norvegia: Hope (Maria Sødahl)

Polonia: Never Gonna Snow Again (Malgorzata Szumowska)
.
Portogallo: Listen (Ana Rocha de Sousa)

Romania: Collective (Alexander Nanau)

Russia: Dear Comrades! (Andrei Konchalovsky)

Slovacchia: The Auschwitz Report (Peter Bebjak)

Slovenia: Stories From The Chestnut Woods (Gregor Božič)

Spagna: The Endless Trench (Aitor Arregi, Jon Garaño and Jose Mari Goenaga)

Svezia: Charter (Amanda Kernell)

Svizzera: My Little Sister (Stéphanie Chuat, Véronique Reymond)

Turchia: Miracle In Cell No. 7 (Mehmet Ada Öztekin)

Ucraina: Atlantis (Valentyn Vasyanovych)

Medio Oriente

Iran: Sun Children (Majid Majidi)

Israele: Asia (Ruthy Pribar)

Giordania: 200 Meters (Ameen Nayfeh)

Libano: Broken Keys (Jimmy Keyrouz)

Palestina: Gaza mon amour (Tarzan Nasser, Arab Nasser)

Fonte: Screendaily