Peter Dinklage e Shirley MacLaine in American Dreamer di Paul Dektor

Peter Dinklage e Shirley MacLaine hanno firmato per unirsi al cast di American Dreamer, esordio cinematografico del pluripremiato regista pubblicitario di Paul Dektor. Il sito Deadline riporta che Dektor dirige da una sceneggiatura del candidato al’Oscar Theodore Melfi che ha scritto e diretto il dramma biografico Il diritto di contare.

Il film di Dektor, paragonato alla commedia St. Vincent con Bill Murray, altra sceneggiatura di Melfi, è basato su un storia vera raccontata in un episodio del podcast “This American Life”. La trama segue “il dottor Phil Loder (Dinklage), un professore di economia a contratto di basso livello ad Harvard, il cui grande sogno di possedere una casa è tragicamente fuori portata … fino a quando non si presenta un’incredibile opportunità irripetibile. quando una vedova solitaria, senza figli e prossima alla morte (MacLaine) offre a Phil la sua vasta proprietà per pochi centesimi. Ma Phil apprende rapidamente che l’accordo è troppo bello per essere vero”.

Gli ultimi ruoli di Peter Dinklage l’hanno visto paziente psichiatrico convinto di essere Gesù Cristo in Lo stato della mente dove ha recitato la fianco di Richard Gere, ha interpretato il costruttore di armi Eitri in Avengers: Infinity War dove ha aiutato Thor ha forgiare l’ascia Stormbreaker e lo abbiamo anche visto solitario sopravvissuto ad un’apocalisse in I Think We’re Alone Now al fianco di Elle Fanning. Dinklage ha recentemente firmato come protagonista del remake della commedia horror The Toxic Avenger.

Il ruolo più recente di Shirley MacLaine risale al 2019 nella commedia natalizia Noelle con Anna Kendrick e Bill Hader, ma l’attrice ha in ballo altri due progetti oltre ad “American Dreamer”: sarà protagonista di People Not Places, commedia drammatica su una donna vivace che nei suoi anni del crepuscolo stringe un’improbabile amicizia con un senzatetto, mentre al contempo lotta per sanare una relazione travagliata con suo figlio e affiancherà William Hurt in Men of Granite, film biografico su un gruppo di poveri immigrati liceali di Granite City, Illinois, che sfida ogni previsione e vince il campionato statale di basket del 1940.