Stasera in tv: “Il castello di vetro” su Rai 3

Cast e personaggi

Brie Larson: Jeannette Walls
Naomi Watts: Rose Mary Walls
Woody Harrelson: Rex Walls
Sarah Snook: Lori Walls
Josh Caras: Brian Walls
Brigette Lundy-Paine: Maureen Walls
Max Greenfield: David
Dominic Bogart: Robbie
Iain Armitage: Brian da bambino
Ella Anderson: Jeanette da bambina
Sadie Sink: Lori da bambina

Doppiatori italiani

Domitilla D’Amico: Jeannette Walls
Barbara De Bortoli: Rose Mary Walls
Dario Oppido: Rex Walls
Gemma Donati: Lori Walls
Davide Perino: Brian Walls
Stefano Crescentini: David
Francesco Pezzulli: Robbie

La trama

Questa è la magia della narrazione: se una persona riesce a trovare il coraggio di raccontare il proprio vissuto, allora ciò consentirà ad altre persone di essere oneste. È molto importante fare i conti con il proprio passato, e spero che la mia storia incoraggi le altre persone a ripercorrere la loro – Jeannette Walls

“Il castello di vetro” è il racconto dell’infanzia nomade e travagliata della scrittrice Jeannette Walls. Seconda di quattro fratelli, Jeannette (Brie Larson) cresce con una madre immatura (Naomi Watts), più attenta agli scorci da dipingere che alle necessità dei figli, e un padre affettuoso che si getta però in progetti sconclusionati e si rifugia nell’alcol. L’immaginario castello di vetro, che promette un giorno di costruire per le bambine, diventa simbolo dei fallimenti e delle promesse infrante, ma anche dei guizzi della follia e dell’immaginazione.

Curiosità

  • Il film è l’adattamento cinematografico delle memorie omonime di Jeannette Walls, pubblicate nel 2005. La sceneggiatura racconta la storia vera di una famiglia in fuga dal governo, spesso nascosta in piccoli paesi, che vive in povertà.
  • Jennifer Lawrence è stata collegata come protagonista e produttrice del film, con Gary Ross alla regia, per un lungo periodo di tempo, ma ha poi abbandonato. Se Lawrence e Ross non avessero abbandonato, il film con Woody Harrelson avrbbe segnato una reunion del trio da Hunger Games (2012)
  • Sadie Sink, essendo già vegetariana, è diventata vegana dopo essere stata ispirata da Woody Harrelson e dalla sua famiglia, con la quale ha legato molto.
  • Mark Ruffalo e Claire Danes erano precedentemente designato ai ruoli di Rex e Rose Walls.
  • La seconda collaborazione di Brie Larson con il regista Destin Daniel Cretton. In precedenza ha recitato nel suo film Short Term 12 (2013).
  • Il film ritrae sia Jeannette che suo padre che si vergognano del fatto che Jeannette scriva per una rubrica di gossip. Nel libro però Jeannette si difende per il fatto di aver scritto di ricchi e famosi, di averne scritto senza peli sulla lingua e di come faceva loro abbassare la cresta. Anche Rex non sembrava avere problemi con questo, tanto che aiutò persino la figlia con alcune delle sue storie.
  • Shree Crooks e Charlie Shotwell sono apparsi in Captain Fantastic (2016).
  • Brie Larson e Woody Harrelson sono apparsi in Rampart (2011).
  • Brie Larson e Naomi Watts sono apparse in film legati a King Kong. Brie Larson in Kong: Skull Island (2017) e Naomi Watts nel King Kong di Peter Jackson (2005).
  • “Il castello di vetro” ha fruito di un budget di 22 milioni di dollari.

La storia dietro la storia

Jeannette Walls aveva lavorato per molti anni come editorialista a New York prima di rivelare a tutti le sue origini particolari. Aveva compreso che le asperità e le tribolazioni che aveva affrontato crescendo, erano lontane ormai anni luce. I suoi genitori, Rex e Rose Mary Walls, spiriti liberi e sprezzanti di tutte le istituzioni, non avrebbero mai cambiato il loro modo di comportarsi e di vedere le cose, anche se i loro figli soffrivano incredibilmente per questo. Walls trascorse i suoi primi anni di vita letteralmente per strada, vagando senza radici dalle città nel deserto del sud-ovest fino ai camping di montagna, senza mai avere una fissa dimora. Tutta la sua famiglia era schiava del padre, Rex, un uomo diabolicamente carismatico e brillante che, quando era sobrio, catturava l’immaginazione dei suoi figli, insegnando loro la scienza, mostrando loro le meraviglie del mondo e, soprattutto, esortandoli ad abbracciare la vita senza paura. La loro madre Rose Mary, pittrice bohémienne, era altrettanto affascinante, ma ancor meno impegnata nelle responsabilità di prendersi cura di una famiglia. Entrambi i genitori credevano nel proprio stile di vita, anche se ciò significava essere poveri. Quando i soldi finirono e il sogno della vita errante iniziò a svanire, la famiglia si ritirò in una città mineraria del West Virginia, andando a vivere nella casa fatiscente che sarebbe diventata l’alter ego del “castello di vetro”, la sorprendente e fantastica casa a energia solare che Rex Walls ha sempre promesso che avrebbe costruito. Quando la disfunzionalità della famiglia s’intensificò, Jeannette e i suoi fratelli furono sempre più costretti a difendersi da soli, sostenendosi a vicenda per sopravvivere e incoraggiandosi a scappare via. Eppure, anche quando Jeannette scappò, lasciandosi alle spalle gli Appalachi, per diventare una scrittrice nella grande città, non riuscì mai a staccarsi dalla sua famiglia. Più cercava la propria vita e le proprie relazioni, più si rendeva conto di dover fare i conti con quello che la famiglia Walls aveva vissuto insieme, tutto ciò che aveva visto ai margini della società americana. Fu allora che la Walls iniziò a scrivere. Il successo del libro è stato straordinario, ha vinto premi, ha venduto oltre 2,7 milioni di copie ed è stato tradotto in 22 lingue.

La colonna sonora

  • Le musiche originali del film sono del compositore Joel P. West (The Bachelors – Un nuovo inizio, Ultimo viaggio in Oregon). West e il regista hanno collaborato anche per Short Term 12 e Il diritto di opporsi.

TRACK LISTINGS:

1. Summer Storm 3:10
2. Rich City Folk 3:48
3. Skedaddle 2:01
4. Real School 1:40
5. Don’t Fence Me In (Darla Hawn) 2:58
6. It’ll Be an Adventure 2:00
7. Stitches / An Old Woman 3:41
8. You Promised 2:14
9. Maroon Wave 2:43
10. Why She Left 4:09
11. Funeral / Big City Girl 3:06
12. How Strong You Are 3:31
13. Thanksgiving 3:50
14. Mountain Goat 2:28

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]