Stasera in tv: “Il corriere – The Mule” su Canale 5

Cast e personaggi

Clint Eastwood: Earl Stone
Bradley Cooper: agente Colin Bates
Michael Peña: agente Trevino
Dianne Wiest: Mary Stone
Andy García: Laton
Alison Eastwood: Iris Stone
Taissa Farmiga: Ginny Stone
Ignacio Serricchio: Julio Gutierrez
Loren Dean: agente Brown
Laurence Fishburne: agente Warren Lewis
Victor Rasuk: Rico
Manny Montana: Axl
Clifton Collins Jr.: Gustavo
Noel Gugliemi: Bald Rob
Eugene Cordero: Luis Rocha
Robert LaSardo: Emilio

Doppiatori italiani

Michele Kalamera: Earl Stone
Christian Iansante: agente Colin Bates
Daniele Raffaeli: agente Trevino
Stefanella Marrama: Mary Stone
Massimo Lopez: Laton
Laura Romano: Iris Stone
Roisin Nicosia: Ginny Stone
Jacopo Venturiero: Julio Gutierrez
Massimo Corvo: agente Warren Lewis
Dimitri Winter: Rico
Gabriele Patriarca: Luis Rocha

La trama

Clint Eastwood interpreta Earl Stone, un uomo di circa 80 anni rimasto solo e al verde, costretto ad affrontare il fallimento della sua impresa, quando gli viene offerto un lavoro per cui è richiesta la sola abilità di guida di un’auto. Cosa facile ma, a sua insaputa, Earl è appena diventato un corriere della droga di un cartello messicano. Svolge bene il suo nuovo lavoro, talmente bene che il suo carico aumenta esponenzialmente, e gli viene assegnato un assistente. Ma questo non è l’unico a tenere d’occhio Earl: il misterioso nuovo ‘mulo’ della droga è finito anche nel mirino dell’efficiente agente della DEA, Colin Bates. E anche se i problemi finanziari appartengono ormai al passato, i suoi errori invece cominciano ad affiorare incidendo pesantemente; Earl non sa se avrà il tempo di rimediare a quei torti prima che le forze dell’ordine, o gli esecutori del cartello, lo prendano.

Note di produzione

Ispirato ad una storia vera, il personaggio di “Earl Stone” ha stimolato la creatività dello sceneggiatore di “Gran Torino” Nick Schenk, a creare un altro ruolo per il venerabile Eastwood. “Il più efficiente corriere nella storia del cartello della droga di Sinaloa, è stato l’uomo meno scontato: un novantenne che viaggiava per lavoro”, afferma Schenk. “Nel cartello era venerato da tutti: servito e riverito, lasciandogli campo libero. Quindi, ho iniziato da lì”. “Mi sono reso conto che Earl era davvero l’altra faccia della medaglia di Walt Kowalski di ‘Gran Torino’ “, continua Schenk. “Durante le ricerche per quel film ho incontrato diversi veterani di guerra, molti dei quali sembravano essere tornati al mondo civile in due modi: arrabbiati col mondo, come Walt, oppure lasciandosi il passato alle spalle e mettendosi al servizio degli altri. Quest’ultima è stata la mia base per la natura leggera di Earl: il suo senso del divertimento, il suo brio. Naturalmente, tutto questo era riservato ai suoi amici e colleghi. Come la sua ex-moglie fa notare nel film, tutti gli altri hanno conosciuto il lato divertente di Earl, mentre lei e la famiglia hanno conosciuto un uomo che non vedeva l’ora di uscire di casa”. Come regista e attore, Eastwood ha apprezzato il mondo creato da Schenk per Earl. “Nick ha descritto in maniera magistrale un personaggio con ancora tanta voglia di sperimentare, anche se non più giovane. Earl è curioso e aperto nei confronti del mondo che lo circonda, anche se finirà per mettersi nei guai”. Eastwood ritiene che il peso maggiore che grava su Earl non sono le droghe, o il fatto che stia commettendo un crimine: ma è il senso di colpa ciò che non riesce più a sopportare. E cerca di porvi rimedio. “Finanziariamente è al verde; deve trovare dei soldi altrimenti perderà la sua casa e il lavoro”, osserva il regista. “Con i soldi in mano, non resiste alla tentazione di ergersi al Robin Hood della situazione, facendo del bene agli altri come a giustificare le sue azioni. Ma è dal lato sbagliato della legge, e questo si rivela pericoloso – sia per lui che per gli altri – e inizia a preoccuparsi. Mi è piaciuta l’idea di un uomo con tanti ostacoli fisici ed emotivi da superare”. Negli ultimi anni, Eastwood si è messo di fronte alla telecamera solo poche volte, ma Earl lo ha indotto a farlo ancora. “Ho letto l’articolo del New York Times sull’uomo a cui Earl fa riferimento, e ho pensato che sarebbe stato divertente interpretare quell’età, la mia, direi. Mi piace continuare ad osservare ed apprendere, ed Earl è così. Più vai avanti, più ti rendi conto di non conoscere tante cose. Quindi, continui ad andare oltre”. In effetti, Earl ha un comportamento che la maggior parte dei suoi coetanei non avrebbe. Alcuni elementi delle attività di Earl sono state tratte dalla vita reale di colui a cui si è ispirato il personaggio, come spiega Eastwood: “Non sappiamo veramente cosa sia successo durante i viaggi dell’uomo, ma è stato notato fermarsi e dare un passaggio ad altri viaggiatori lungo la strada, e che ha usato i soldi per riscattare la sua azienda”. “Nel nostro film”, continua, “mettiamo in luce il lato negativo del suo lato positivo, per così dire. Aiutare le persone, ristrutturare la vecchia sala dei veterani, rinnovare la sua serra … Tutto ciò lo fa sentire un po’ come un salvatore, ma allo stesso tempo moralmente è al collasso. Sa che quel che sta facendo è sbagliato, e un giorno dovrà pagarne le conseguenze”. Sebbene Eastwood abbia la stessa età di Earl, le somiglianze finiscono lì: quindi ha guardato oltre sé stesso per creare il personaggio che ha ritratto. “Ho vissuto una vita, quindi in un certo senso ho potuto capirlo”, dice. “La sua passione per i fiori era insolita per me, ma l’ho paragonata a quella di mio nonno per il suo allevamento di polli, e in un certo qual modo mi sono ispirato a lui nel ritratto di Earl, anche fisicamente, incluso il suo modo di camminare da anziano”. “La cosa bella di Clint è che a 88 anni doveva recitare come se fosse più vecchio, perché è così virile…”, dice ridendo Bradley Cooper, che recita accanto a Eastwood nel film. “Clint si alza da una sedia come un canguro, ma Earl no, quindi è stato divertente vederlo comportarsi come una persona più avanti con gli anni, mentre invece lui stesso è ancora atletico”.

Curiosità

  • “Il corriere – The Mule” è basato sull’articolo del New York Times “The Sinaloa Cartel’s 90-Year-Old Drug Mule” di Sam Dolnick, che racconta ed è stato ispirato dalla vera storia di Leo Sharp, un veterano della seconda guerra mondiale di ottant’anni, che divenne il corriere della droga più anziano e prolifico del mondo per il cartello di Sinaloa, la più potente rete di narcotrafficanti del mondo. Per poter ambientare il film nel 2017 il protagonista è diventato un veterano della guerra di Corea.
  • Piuttosto che fare solo una dozzina di corse come si vede nel film, si ritiene che Leo “Tata” Sharp abbia guidato per il cartello per circa un decennio, incluso un periodo di anni in cui ha continuato a condurre la sua attività con i fiori.
  • Alison Eastwood, che recentemente si è concentrata sulla produzione e la regia, è rimasta sorpresa dal fatto che suo padre Clint Eastwood le abbia chiesto di recitare al suo fianco (interpreta Iris, la figlia di Earl).
  • Piuttosto che portare carichi rigorosamente da El Paso a Chicago, come illustrato nel film, Tata ha principalmente spostato droga da case sicure in Arizona consegnandola a Detroit, Boston e Chicago. Trasportava anche contanti per il cartello.
  • Tra febbraio e giugno 2011, le sole corse di Leo “Tata” Sharp a Detroit ammontano a ben 1.146 chili di cocaina – una tonnellata e un quarto di droga. È stato arrestato il 21 ottobre 2011 all’età di 87 anni e si è scoperto che trasportava 104 chili di coca.
  • Nel film Tata spiega la sua passione per i gigli di giorno, che sono una sfida da coltivare, che producono circa una dozzina di boccioli, ognuno dei quali produce un fiore che dura solo un giorno. Gli piaceva produrre ibridi spolverando manualmente il polline da una pianta all’altra. Le varietà sono infinite, con oltre 75.000 ufficialmente registrate presso l’American Hemerocallis Society. Il vero Tata avrebbe viaggiato per convegni orticoli in tutto il paese regalando centinaia dei suoi gigli, la maggior parte dei quali erano larghi solo pochi centimetri ma estremamente belli. Questo ha attirato un gran numero di visitatori nella sua fattoria di fiori “Brookwood Gardens” a Michigan City e in una seconda fattoria di fiori che aveva ad Apopka, in Florida. Gli autobus pieni di visitatori sarebbero arrivati ​​al suo cancello principale, desiderosi di acquistare i suoi fiori distintivi. Come indicato nel film, una volta che i gigli di giorno sono diventati disponibili su Internet, gli affari di Sharp sono diminuiti rapidamente, quindi la sua altra attività – il traffico di droga – è diventata un modo per lui di rimanere a galla.
  • La polka band che si esibisce al VFW in onore di Earl è in realtà una vera polka band che viaggia attraverso gli Stati Uniti e suona in oltre 100 spettacoli all’anno. La band si chiama SqueezeBox ed è guidata da Mollie Busta (conosciuta come “Mollie B”) e suo marito, Ted Lange. Ted è due volte candidato ai Grammy e Mollie ospita il programma televisivo “Mollie B Polka Party”. Clint Eastwood ha cercato personalmente SqueezeBox per recitare nel film perché guardava “Mollie B Polka Party” ogni sabato con la sua ragazza, Christina Sandera. Mollie B ha avuto un forte mal di gola durante le riprese della scena e ha dovuto andare in ospedale al termine delle riprese.
  • “Il corriere – The Mule” segna il quarantasettesimo ruolo da protagonista di Clint Eastwood.
  • Questa è stata la seconda collaborazione tra Clint Eastwood e Bradley Cooper dopo American Sniper (2014).
  • “Il corriere – The Mule” è il quarto film in cui Marks Alison Eastwood è diretto dal padre Clint Eastwood (secondo in realtà, dato che aveva solo una battuta in Potere assoluto ed era una comparsa non accreditata in Bronco Billy).
  • Il 10 dicembre 2018, Clint Eastwood è stato fotografato alla premiere di Los Angeles del film con la figlia segreta Laurie. Ai fotografi si è identificata come “Laurie Eastwood”. Il giorno successivo, Alison Eastwood ha confermato su Instagram che Laurie è la sua sorellastra. Si ritiene che Laurie sia la figlia di Eastwood, nata a Washington, che fu data in adozione nel 1954, come affermato dal biografo Patrick McGilligan nel libro pesantemente censurato “Clint: The Life and Legend” (1999) – un’accusa che nessun media avrebbe ripetuto al tempo. A Clint ci sono voluti 64 anni per riconoscere Laurie.
  • Questa è la seconda volta che Alison Eastwood interpreta la figlia di Clint Eastwood sullo schermo. La prima è stata in Corda tesa (1984).
  • Il cast comprende due vincitori del premio Oscar: Clint Eastwood e Dianne Wiest; e tre candidati all’Oscar: Bradley Cooper, Laurence Fishburne e Andy Garcia.
  • Questa non è stata l’unica volta in cui Clint Eastwood ha interpretato un “mulo / corriere della droga” o è stato associato alla parola o al tema. Ne ha interpretato uno di un altro genere ne Gli avvoltoi hanno fame (1970). Inoltre, uno dei “capi” di Earl (Clint Eastwood) lo rimprovera per aver parlato senza permesso dicendo: “I muli non parlano!”. Il primo ruolo cinematografico accreditato di Eastwood è stato “Jonesey” in Francis in the Navy (1955), uno dei film di “Francis il mulo parlante”. Inoltre, questo è il secondo film di Clint Eastwood con “mule” nel titolo, il primo è Two Mules for Sister Sara aka Gli avvoltoi hanno fame (1970).
  • “Il corriere – The Mule” non ha avuto a bordo il direttore della fotografia preferito di Clint Eastwood, Tom Stern. Questa è la prima volta da Debito di sangue (2002), la prima collaborazione tra i due. Per questo film è stato reclutato Yves Bélanger.
  • Earl Stone (Clint Eastwood) guida attraverso un fast food chiamato “Gunny’s Burgers”. Clint Eastwood ha interpretato il sergente Thomas Highway in Gunny (1986). Inoltre, una rapida ricerca su Google mostra che “Gunny’s Burgers” è in realtà un fast food immaginario che non esiste negli Stati Uniti.
  • Ruben Fleischer (Gangster Squad, Venom) era originariamente designato alla regia questo film.
  • L’attrezzatura fotografica utilizzata dal personaggio di Bradley Cooper durante la sorveglianza con il personaggio di Michael Pena è una Canon EOS 5D, più un teleobiettivo Canon EF 300mm f / 4L USM.
  • Durante il processo l’avvocato di Leo “Tata” Sharp ha sostenuto che soffriva di demenza, il che avrebbe influito sul suo giudizio nell’andare contro la legge. Tata era effettivamente affetto da demenza e con il tempo non ricordava le istruzioni dei trafficanti, e talvolta doveva essere guidato ai depositi di droga da altri, ma l’accusa ha affermato che nonostante la sua disabilità, sapeva cosa stava facendo. Alla fine è stato mandato in prigione, ma a causa della sua età avanzata e del suo cattivo stato di salute è stato condannato a tre anni, scontandone effettivamente solo uno.
  • Per Earl, la costumista Deborah Hopper voleva che parte del guardaroba avesse un aspetto consunto, quindi alcuni dei costumi sono stati riutilizzati da precedenti film di Clint Eastwood come Gran Torino (2008), Fino a prova contraria (1999) e, nel caso della causa alla fine del film, l’abito arrivava dal guardaroba di Nel centro del mirino (1993).
  • “Il corriere – The Mule” costato 50 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 175.

La colonna sonora

  • Le musiche originali de “Il corriere – The Mule” sono del trombettista, pianista e compositore jazz cubano Arturo Sandoval (The Resurrection of Malchus, Il canestro di Cory, Underdog Kids). Sandoval e Clint Eastwood hanno successivamente collaborato anche per Richard Jewell.
  • La musica di sottofondo, nella scena del “miglior sandwich di maiale”, è la star della musica country Travis Tritt che canta la canzone “Country Club”.
  • In una scena, Earl canta in coro la canzone “Dang Me” di Roger Miller ,  il cui testo recita: “dovrebbero prendere una corda e impiccarmi”. Uno dei primi film di Clint Eastwood è stato Impiccalo più in alto (1968), dove una folla tenta di linciarlo all’inizio del film.
  • La colonna sonora include il brano “Don’t Let the Old Man In” di Toby Keith.

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]