Stasera in tv: “La ragazza dei tulipani” su Rai 2

Cast e personaggi

Alicia Vikander: Sophia Sandvoort
Dane DeHaan: Jan Van Loos
Jack O’Connell: William Brok
Holliday Grainger: Maria
Judi Dench: badessa di St. Ursula
Christoph Waltz: Cornelis Sandvoort
Douglas Hodge: Nicholas Steen
Zach Galifianakis: Gerrit
Matthew Morrison: Mattheus
Cara Delevingne: Annetje
Joanna Scanlan: sig.ra Overvalt
Tom Hollander: dott. Sorgh
Cressida Bonas: sig.ra Steen
Kevin McKidd: Johan De Bye
David Harewood: Prater
Michael Nardone: Daan
Alexandra Gilbreath: Lysbeth
Michael Smiley: Pieter
Miltos Yerolemou:
Daisy Lowe: Carolijn

Doppiatori italiani

Valentina Favazza: Sophia Sandvoort
Davide Perino: Jan Van Loos
Marco Vivio: William Brok
Domitilla D’Amico: Maria
Marzia Ubaldi: badessa di St. Ursula
Massimo De Ambrosis: Cornelis Sandvoort
Alessio Cigliano: Nicholas Steen
Simone Mori: Gerrit
Riccardo Rossi: Mattheus
Gaia Bolognesi: Annetje
Anna Cugini: sig.ra Overvalt
Francesco Bulckaen: dott. Sorgh
Franco Mannella: Johan De Bye
Roberto Draghetti: Prater
Paolo Marchese: Daan
Alessandra Korompay: Lysbeth
Stefano Alessandroni: Pieter

La trama

Amsterdam, 1636: la città è in pieno fermento. Il commercio prospera, le arti fioriscono. Sophia, orfana cresciuta dalle suore, viene presa in sposa da un ricco mercante, Cornelis Sandvoort, molto più vecchio di lei. Lui desidera ardentemente un figlio, ma lei non riesce a darglielo, mettendo così in pericolo il loro matrimonio. I due decidono di posare per un ritratto che li renderà immortali, ma Sophia inizia una relazione con il pittore, un giovane e talentuoso artista: Jan Van Loos. Tutto questo mentre la cameriera di Sophia, Maria, scopre di aspettare un figlio dal ragazzo di cui è innamorata, che per un equivoco è fuggito via. Per salvare la situazione, le due donne escogitano un piano, apparentemente comodo per entrambe. Ma, mentre l’Olanda è preda di una follia collettiva, la febbre di possedere i bulbi di tulipani, con pennellate intense di sensualità, irresistibile desiderio, inganno, sogni e illusioni, il ritratto prende tutt’altra forma, colorando passioni per cui daresti la vita.

Curiosità

  • “La ragazza dei tulipani” è ispirato al romanzo “Tulip fever – La tentazione dei tulipani” di Deborah Moggach (edito in Italia da Sperling & Kupfer), che firma la sceneggiatura insieme al premio Oscar Tom Stoppard, sceneggiatore di Shakespeare in Love.
  • Nel film il ritratto di una Amsterdam di inizio 600 che vive un momento di grande splendore grazie al commercio e all’arte. In particolare la città è preda di una follia collettiva, la ‘febbre’ dei tulipani, che ha contagiato non solo i grandi mercanti, ma anche i ceti più umili nella ricerca dei bulbi più pregiati, considerati merce di grande valore. Su questo sfondo nasce una relazione pericolosa per cui si è disposti a rischiare la vita, una storia in cui l’arte diventa simbolo di passione.
  • “La ragazza dei tulipani” è stato girato nel 2014 ma l’uscita è stata posticipata di tre anni. La prima proiezione di prova si è tenuta nel novembre 2014 e non ha ottenuto reazioni positive. Questo film era originariamente previsto per uscire a giugno 2016, ma la data di uscita è stata spostata a luglio 2016, quindi a febbraio 2017, 25 agosto 2017 ed è finalmente approdato nelle sale il 1° settembre 2017.

  • Quando DreamWorks stava preparando l’originale “La ragazza dei tulipani” nel 2004, aveva costruito una serie enorme di canali di Amsterdam e piantato dodicimila tulipani. Jude Law, Natalie Portman e Jim Broadbent erano tutti pronti a recitare fino a quando la spina non è stata staccata solo dodici giorni prima delle riprese.
  • “La ragazza dei tulipani” è ambientato nei Paesi Bassi con personaggi olandesi, ma è stato interamente girato nel Regno Unito (a Norfolk, Suffolk e ai Pinewood Studios) e non ci sono attori o attrici olandesi.
  • Matthias Schoenaerts era in trattative come protagonista maschile ma ha rifiutato. È stato sostituito da Dane DeHaan. Schoenaerts ha poi finito per recitare con Alicia Vikander in The Danish Girl (2015).
  • Nel 2004, il regista John Madden stava preparando il film con Keira Knightley e Jude Law come protagonista, con una sceneggiatura di Tom Stoppard. Una volta che gli incentivi fiscali per la produzione nel Regno Unito sono scomparsi, il progetto è stato annullato. Subito dopo il regista Peter Chelsom ha cercato di riavviare il progetto, ma non è andata meglio. Poi, nel 2011, Tom Hooper lo ha considerato tra una manciata di altri progetti come film successivo a Il discorso del re (2010) prima di decidere per Les Misérables (2012). Nel luglio 2013, Justin Chadwick è stato annunciato come regista.

  • Harvey Weinstein ha offerto a Harry Styles il ruolo di Mattheus, ma il cantante ha rifiutato a causa di conflitti di programmazione e Matthew Morrison è stato scelto.
  • “La ragazza dei tulipani” è l’ultima uscita nelle sale di The Weinstein Company e pubblicata solo un mese prima che fossero pubblicati per la prima volta numerosi articoli sui casi decennali di abusi e molestie sessuali di Harvey Weinstein.
  • De Haan, Van Dijk e Hollander sono tutti cognomi olandesi. Hollander è un termine meno comunemente usato per indicare qualcuno che proviene dai Paesi Bassi.
  • Il cast include tre vincitori dell’Oscar: Dame Judi Dench, Alicia Vikander e Christoph Waltz.
  • Sebbene Dane DeHaan discenda da un misto di background europei (inglese, tedesco, olandese, italiano e altro), il suo cognome è un termine olandese (“de Haan” significa “il gallo”).

  • Nel 2013 Alicia Vikander è stata scelta per il ruolo principale, ma in seguito è stato riferito che Holliday Grainger l’aveva sostituita. Si trattava di una notizia errata, Vikander non era stata sotituita e avrebbe interpretato il ruolo principale mentre Grainger era stata reclutata in un ruolo di supporto.
  • Il ritrattista gallese Jamie Routley ha realizzato i ritratti originali che si vedono nel film.
  • “La ragazza dei tulipani” ha segnato il debutto cinematografico di Cressida Bonas (la signora Steen).
  • Dane Dehaan e Cara Delevingne sono apparsi in Valerian e la città dei mille pianeti (2017).
  • Mancavano sette settimane alle riprese del film nel 2004, quando il governo britannico ha chiuso un programma di agevolazioni fiscali. A seguito di ciò il budget di 45 milioni di dollari è lievitato di circa 17 milioni di dollari e il film è stato chiuso. È stato poi “resuscitato” da Ruby Films e The Weinstein Company nel 2013 e il budget è stato ridotto a 25 milioni di dollari. Il film ha poi generato un incasso globale finale di circa 9 milioni di dollari.

Note di produzione – Dal libro al film

La produttrice Alison Owen aveva apprezzato il romanzo “Tulip Fever” prima della pubblicazione e ne aveva acquistato subito i diritti. Aveva anche letto la recensione di un libro che documentava la ‘febbre dei tulipani’ nel 1630 ad Amsterdam ed era rimasta affascinata da questa mania del tempo: “Ho pensato che fosse un tema molto affascinante e da produttrice cerco sempre contesti interessanti per una storia. Qualche mese dopo ho letto un articolo in cui veniva menzionato il romanzo di Deborah Moggach ‘Tulip Fever’, una storia d’amore ambientata ad Amsterdam. Pensavo, chissà se qualcuno ha già fatto il lavoro di trovare una storia da inserire quel contesto…Quando ho letto ‘Tulip Fever’, l’ho trovata una storia così bella…costruita alla perfezione, con bei personaggi e ambientata proprio in quel periodo”.

Così è iniziata la produzione del film.

Per la produttrice Alison Owen, il romanzo di Deborah Moggach è una lettura affascinante “Ha così tanti strati che è difficile condensarli, ma la sfida è stata proprio questa: cercare di armonizzare tutto nella sceneggiatura. È una meravigliosa storia di amore ambientata in un contesto storico fantastico che è una metafora dell’amore, della lussuria, della passione. I tulipani di più grande valore erano quelli che sbocciavano con tanti colori e striature. A quel tempo non si sapeva il motivo, ma in realtà accadeva per un virus. Paradossalmente i bulbi di valore erano quelli malati, destinati a marcire. Una metafora meravigliosa dell’amore adultero di cui si parla nel film. La grande passione dei due protagonisti è un amore meraviglioso, ma illecito e per questo porta con sé i semi della sua stessa distruzione”. Ha aggiunto: “Un altro aspetto che amo del romanzo è il modo in cui ci si affeziona a tutti i personaggi, quindi è difficile rinunciare a qualcuno nel passaggio alla sceneggiatura. È molto più facile per un libro come ‘Tulip Fever’ raccontare la storia dal punto di vista di ogni personaggio. In un adattamento diventa più complicato, ma alla fine ce l’abbiamo fatta”. Alicia Vikander, che interpreta la giovane Sophia, aveva sentito parlare del progetto e voleva farne parte. Ci ha spiegato: “Sapevo che era una sceneggiatura di Tom Stoppard e avevo lavorato con lui in ‘Anna Karenina’. Ho voluto leggere la sceneggiatura perché ne avevo sentito parlare bene e me ne sono innamorata. La sceneggiatura di Tom è brillante e piena di sfumature. È un film in costume ma è la verve, il ritmo e l’emozione che mi hanno colpito. Inoltre è molto difficile trovare bei ruoli femminili e in questo caso entrambi i personaggi femminili principali sono molto interessanti, complessi e diversi”. Per Dane DeHaan, nel ruolo del giovane pittore Jan van Loos, è stato il modo in cui la sceneggiatura trova un connessione con la contemporaneità ad attrarlo. “È il primo crollo del mercato, la prima volta che la gente è ossessionata dall’acquistare cose che tecnicamente non valevano nulla, attribuendo a queste un altissimo valore fino al punto di diventare inestimabili”.

La colonna sonora

  • Le musiche originali de “La ragazza dei tulipani” sono del compositore Danny Elfman, autore di oltre cento colonne sonore di film e collaboratore abituale del regista Tim Burton. Tra le sue colonne sonore ricordiamo quelle per il Batman e il Nightmare Before Christmas di Burton, per L’armata delle tenebre e lo Spider-Man di Sam Raimi e i film della serie Men in Black.

TRACK LISTINGS:

1. Sophia’s Theme 3:55
2. Lost 2:22
3. Willem 0:45
4. Unveiling 2:51
5. Streets 0:51
6. A Storm Is Coming 1:36
7. Ultramarine 1:14
8. Nailed 1:33
9. Reveal 1:39
10. Streets – Part 2 1:57
11. Devastation 3:55
12. Maria’s Theme 0:59
13. Wait 3:30
14. It’s Done 1:59
15. Storm 2:32
16. Grand Finale 6:43
17. Happy Family 2:28
18. Sophia’s Theme (Reprise) 2:32

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]