The Amusement Park: il film “perduto” di George Romero arriverà su Shudder

Nel 1973 il regista George Romero venne commissionato un lungometraggio dalla Lutheran Society che affrontasse il trattamento degli anziani nella società contemporanea. Romero accettò l’incarico e confezionò il suo personale Umberto D., dal titolo The Amusement Park che però fu considerato troppo “forte” a livello di contenuti e non ebbe mai una distribuzione.

“The Amusement Park” che si pensava ormai perduto vede protagonista Lincoln Maazel “nei panni di un uomo anziano che si ritrova sempre più disorientato e isolato durante una visita al parco di divertimenti. Quello che inizialmente pensava sarebbe stato un giorno normale si trasforma rapidamente in un incubo infernale pieno di montagne russe e folle caotiche”.

Daniel Kraus, collaboratore di lunga data del regista Guillermo del Toro, è entrato in possesso di una copia di “The Amusement Park” che ha fatto restaurare in 4K dalla IndieCollect, una società di New York la cui “mission” è salvare film indipendenti americani dal rischio di estinzione, sia per negligenza che per strategie di conservazione errate; educare i registi alla preservazione; archiviazione sicura a lungo termine per i film indipendenti senza alcun costo per i registi e la registrazione ogni titolo indipendente in modo che ogni film sia individuabile.

Per la gioia dei fan di Romero, la versione restaurata di “The Amusement Park” andrà in onda sul canale streaming Shudder per l’estate. Il film, uno dei lavori non horror del regista, viene descritto come “forse il film più sfrenato e immaginifico di Romero, un’allegoria sulla realtà da incubo dell’invecchiare”.

Suzanne Desrocher-Romero, moglie di Romero, ha condiviso una dichiarazione sul film: Il primo e unico lavoro su commissione nella carriera di Romero getta una nuova prospettiva su un problema in corso della discriminazione degli anziani e il misterioso senso di riflessione di Romero sulla società, e l’impronta di Romero è sempre presente e fa ben sperare per il futuro del suo impatto sul cinema americano. Siamo grati alla Yellow Veil Pictures che ci ha aiutato a forgiare un percorso per trovare il custode più perfetto per questo pezzo. Shudder capisce che questo film aggiunge un elemento importante all’opera di Romero. Siamo riconoscenti.

George Romero regista del cult horror La notte dei morti viventi è scomparso nel 2017 all’età di 77 anni.

Fonte: Variety