Tom Hanks mostra il suo nuovo look per il biopic su Elvis (video)

Tom Hanks durante un’ospitata virtuale al The Graham Norton Show ha mostrato il suo nuovo look per il ruolo che interpreterà nel biopic su Elvis di Baz Luhrmann. L’attore durante l’intervista dall’Australia, dove si trova per girare il film biografico, ha mostrato il suo nuovo “taglio” di capelli che gli servirà per meglio calarsi nei panni del Colonnello Tom Parker, nome d’arte di Andreas Cornelis, il manager di Elvis.

[Per guardare il video clicca sull’immagine in alto]

Baz Luhrmann torna dietro la macchina da presa a sette anni dall’adattamento Il Grande Gatsby con protagonista Leonardo DiCaprio e anche stavolta il regista ha assemblato un cast impressionante. Austin Butler (I morti non muoiono, C’era una volta… a Hollywood) interpreterà Elvis, Olivia DeJonge la moglie Priscilla Presley, mentre Helen Thomson e Richard Roxburgh saranno Vernon e Gladis Presley, i genitori di Elvis. Il cast è completato da Luke Bracey nei panni di Jerry Schilling, professionista dell’industria musicale americana che oltre a Elvis ha gestito i Beach boys, Jerry Lee Lewis e Lisa Marie Presley, la figlia di Elvis; Dacre Montgomery sarà il regista e produttore Steve Binder che ha diretto diversi speciali televisivi tra cui il “’68 Comeback Special” di Elvis; David Wenham sarà il cantautore country canadese Hank Snow; Kate Mulvany interpreterà Marion Keisker la prima persona a registrare Elvis Presley il 18 luglio 1953 preso la Sun Records; Leon Ford vestirà invece i panni di Tom Diskin, l’assistente del Colonnello Parker. Il cast include anche Xavier Samuel, Natasha Bassett, Josh McConville, Charles Grounds e Gareth Davies.

Hanks oltre al biopic di Elvis, sarà Geppetto nel Pinocchio di Guillermo del Toro e protagonista di BIOS e Mr. Ove, il primo è un dramma post-apocalittico coprodotto da Robert Zemeckis che racconta di un robot, costruito per proteggere la vita dell’amato cane del suo creatore, che impara cosa significa essere umani, il secondo titolo è un remake americano dell’omonimo e acclamato film svedese.

Fonte: Screenrant